I 4 falsi miti sulla soia

soia

I 4 falsi miti sulla soia

Chi sapeva che un fagiolo umile come la soia sarebbe diventato così controverso? Alcune persone hanno paura di mangiare o bere cibi a base di soia per paura che cambino pericolosamente i loro livelli ormonali e aumentino il rischio di alcuni tumori. Nel corso degli anni ho sentito praticamente ogni argomento a favore e contro il consumo di soia e continuo a pensare a ciò che sospettavo molti anni fa: che le opzioni di alimenti a base di soia finissero per essere benefiche e sicure, mentre gli integratori dovrebbero essere considerati con cautela.

Quando si tratta di componenti negli alimenti vegetali, c’è della magia nella confezione. Sappiamo che molti dei componenti di un alimento lavorano insieme nel corpo per il massimo beneficio per la salute. Se separi un componente dalla soia, che si tratti degli isoflavoni o delle proteine ​​di soia, ora hai maggiori probabilità di ottenere quel componente in quantità maggiori di quelle che si trovano naturalmente negli alimenti. Inoltre non si ottiene quel componente in presenza degli altri componenti con cui viene normalmente consumato in forma di cibo.Il Consiglio Soyfoods ha recentemente sfidato i tre principali miti che circondano la soia.

            Mito n. 1: chiunque abbia avuto il cancro al seno dovrebbe evitare i tradizionali cibi a base di soia come il tofu e il latte di soia.

Non vero . Nuovi studi dimostrano che i pazienti affetti da carcinoma mammario che consumano cibi a base di soia dopo la diagnosi sono effettivamente migliori dei pazienti che non consumano cibi a base di soia.

La raccomandazione : L’American Cancer Society afferma che i malati di cancro al seno possono tranquillamente consumare fino a tre porzioni di alimenti di soia tradizionali al giorno. Verificherei comunque con il tuo oncologo o medico, tuttavia, prima di consumare queste quantità se sei attualmente in cura per il cancro al seno.

Mito n. 2: i cibi di soia causano carenze o squilibri minerali.

Non vero . Questo mito probabilmente è iniziato perché gli alimenti a base di soia contengono fitato e ossalato (entrambi si trovano anche negli spinaci), che si pensa entrambi inibiscano l’assorbimento del calcio.

La ricerca ha dimostrato in modo inequivocabile che l’assorbimento del calcio dal latte di soia e dal latte di mucca è praticamente lo stesso e che non ci sono prove che i cibi a base di soia causino carenze o squilibri minerali.

            Mito n. 3: i cibi a base di soia contengono estrogeni e gli uomini che li mangiano possono sperimentare la femminilizzazione o addirittura comprometterne la fertilità.

Non vero . Gli alimenti a base di soia non contengono estrogeni, sebbene contengano sostanze fitochimiche isoflavone che rientrano nel raggruppamento di estrogeni “fitoestrogeni” o “piante”. Le prove cliniche indicano che i cibi a base di soia non femminilizzano gli uomini, abbassano i livelli di testosterone o riducono la concentrazione di spermatozoi. I cibi a base di soia possono effettivamente offrire agli uomini diversi benefici per la salute. Ad esempio, l’evidenza suggerisce che i cibi a base di soia possono essere protettivi contro il cancro alla prostata.

Ed ecco un mio quarto mito secondo cui molte persone credono …

            Mito n. 4: poiché la proteina della soia è una proteina vegetale, non è una proteina completa contenente tutti e 9 gli aminoacidi essenziali .

Non vero. La proteina di soia contiene in realtà tutti gli amminoacidi essenziali in quantità sufficienti per soddisfare i requisiti biologici ed è quindi considerata una proteina completa.

 
No Comments

Post A Comment