Posizione geografica e struttura ambientale dei nativi canadesi

Le parole Canadesi Nativi o Aborigeni fanno riferimento ai discendenti delle persone che vivevano in quello che è il Canada di oggi, prima che i coloni, esploratori e commercianti europei arrivassero nel 1600.

Dare etichette a questi gruppi è complicato per problemi emotivi e storici.

Gli aborigeni abitavano tutte le regioni del Canada e degli Stati Uniti, e dozzine di gruppi tribali, vivevano, cacciavano, pescavano e foraggiavano (raccolte di piante autoctone) in tutto il Nord America.

Le province del Canada moderno ovviamente non esistevano quando gli europei arrivarono sulla costa orientale del Canada.

Gli Inuit abitano le parti più settentrionali del Canada.

Il 1 aprile 1999, il Nunavut (pronunciato NOON-ah-voot) divenne il nuovo territorio del Canada, costituendo i Territori del Nord-Ovest.

 

Storia e cibo degli aborigeni canadesi

In generale, la maggior parte dei canadesi concorda sul fatto che i circa 800.000 canadesi aborigeni contati dal censimento della popolazione del 1996 possono essere identificati come appartenenti a uno dei tre gruppi: First Nations (554.000), Métis (210.000) e Inuit (Innu, 40.000).

Le persone delle Prime Nazioni sono membri delle circa 50 “Prime Nazioni” riconosciute o gruppi tribali in Canada, e vivono in tutte le zone del Paese.

I Métis sono discendenti dei matrimoni intercorsi tra gli uomini impiegati dalle prime società di commercio di pellicce europee (Hudson’s Bay Company e Northwest Fur Company) e donne native canadesi.

 

Gli Inuit sono i discendenti del popolo Thule che emigrò dall’artico canadese migliaia di anni fa.

Hanno abitato il territorio del Canada moderno per migliaia di anni.

Erano storicamente cacciatori e pescatori.

A causa del clima aspro del Canada nelle loro terre del nord, la dieta Inuit includeva pochissime verdure fresche o frutta.

Nelle brevi estati raccoglievano bacche, sia per mangiare fresco che per essiccare durante il lungo e freddo inverno.

Avrebbero anche raccolto semi e noci da conservare per integrare la dieta invernale.

Cereali come grano, grano e riso selvatico venivano raccolti ed essiccati.

A volte i cereali venivano macinati per produrre farina, oppure mescolati con acqua e cotti.

 

Il Pemmican è un alimento nutriente e ipercalorico che può essere preparato in quantità e conservato.

Gli esploratori, i trapper e i commercianti francesi e inglesi comprarono grandi quantità di pemmican dagli aborigeni e impararono persino a fare il pemmican.

Il pemmican si tiene all’interno di una pelle animale o di una cavità gastrica per preservarlo.

 

Torte Pemmican

Ingredienti:

Procedura:

  1. Macinare o tritare carne di manzo in pezzi per fare circa 1 tazza.
  2. Si sciolgono in una casseruola.
  3. Togliere dal fuoco, mescolare con carne secca, bacche essiccate e semi.
  4. Mescolare nel miele.
  5. Versare circa 1/4 di tazza di miscela pemmican in ogni tazza di muffin.
  6. Premere con decisione per fare una torta, levigando la parte superiore.
  7. Refrigerare fino a quando non è ben impostato.
  8. Servi in 12 porzioni.

 

Alimenti degli aborigeni del Canada

La dieta tradizionale degli aborigeni era costituita dagli animali e dalle piante che si trovano sulla terra e nel mare intorno a loro.

Foca, balena, bufalo, caribù, tricheco, orso polare, lepre artica (coniglio), tutti i tipi di pesci e molte specie di uccelli sono stati cacciati o pescati.

Il grasso veniva gustato o mescolato con carne o bacche.

Ogni parte dell’animale veniva consumata o usata per fare vestiti o ripari.

Poiché i cibi erano mangiati crudi o con una lavorazione minima, gli aborigeni erano generalmente ben nutriti.

 

Le persone delle prime nazioni, dei Métis e degli Inuit di oggi hanno aggiunto alimenti trasformati e cibi pronti alla loro dieta tradizionale e sono vittime di problemi di salute che derivano dal consumo di alimenti ricchi di zuccheri e additivi (come la carie e l’obesità).

La loro dieta tradizionale era nutriente e ricca di calorie, ma le calorie erano necessarie per mantenere i loro corpi caldi attraverso i lunghi e rigidi inverni.

 

Durante le brevi estati, gli aborigeni (soprattutto le donne) avrebbero piantato piccoli giardini e raccolto bacche selvatiche e semi.

Mais, fagioli e zucca erano verdure comuni coltivate nei piccoli giardini di Manitoba e Alberta.

Queste verdure venivano spesso fatte cuocere per fare zuppe o stufati, come la Three Sister Soup (le “sorelle” sono mais, fagioli e zucca).

 

Snack alla bacca di Saskatoon

Le bacche di Saskatoon, simili ai mirtilli, sono state raccolte e mangiate in natura dai canadesi aborigeni per secoli.

Alla fine del XX secolo, i coltivatori di frutta commerciali iniziarono a piantare colture di queste gustose bacche da vendere ai negozi di alimentari.

 

Ingredienti:

Procedura:

  1. Se si utilizzano bacche fresche, sciacquarle sotto l’acqua corrente.
  2. Dividere le bacche in diversi sacchetti di carta cerata o buste di plastica.
  3. Trasportali insieme per uno spuntino durante il giorno o per condividerli con un amico.
  4. Serve da 8 a 10 porzioni.

 

Zuppa di tre sorelle

Ingredienti:

Procedura:

  1. Versare il brodo di pollo in una grande casseruola o un bollitore. Riscaldare fino a quando il brodo inizia a bollire.
  2. Aggiungere il mais, i fagioli, la zucca e le foglie di alloro.
  3. Abbassare il fuoco e cuocere a fuoco lento per 45 minuti.
  4. Aggiungi le spezie facoltative se lo desideri e fai sobbollire per altri 15 minuti.
  5. Rimuovere le foglie di alloro e trasferire la zuppa in lotti al frullatore per purea se desiderato. Servire con bannock (pane).
  6. Servi da 8 a 10 porzioni.

 

I popoli aborigeni che vivevano nelle praterie del Canada occidentale consumavano bufali (e usavano pelli di bufalo per vestirsi e ripararsi).

Nel Canada centrale, le popolazioni di Ojibwa raccoglievano riso selvatico dalle acque dell’Ontario e del Manitoba, facendolo asciugare e poi arrostendolo.

I commercianti di pellicce, che entrarono in contatto con popolazioni aborigene in tutto il Canada, introdussero un pane simile alla focaccina scozzese.

Divenne noto come bannock.

Bannock può essere cotto (gli aborigeni lo depongono su rocce bollenti vicino a un fuoco da campo) o attorcigliato a un bastone e cotto su carboni ardenti.

 

Bannock

Bannock può essere cotto nel forno o a fuoco aperto.

 

Ingredienti:

Procedura:

  1. Unire la farina, il lievito, lo zucchero e il sale in una grande ciotola.
  2. Misurare il latte (o acqua) e aggiungerlo alla miscela di farina, mescolando con una forchetta per combinare. Dovrebbe formare un impasto. Se la miscela sembra troppo asciutta e friabile, aggiungi più liquido, un cucchiaio alla volta.
  3. Girare l’impasto su una superficie leggermente ricoperta di farina.
  4. Impastare per circa 3 minuti. (Per impastare, premi l’impasto, giralo in senso orario, piegalo a metà e premilo verso il basso.
  5. Riscaldare il forno a 180 ° C.
  6. Taglia la pasta in un cerchio di circa 1 cm di spessore.
  7. Trasferire l’impasto in una teglia ben oleata.
  8. Pungere la superficie dell’impasto dappertutto con una forchetta.
  9. Cuocere per circa 20 o 30 minuti o fino a doratura.

 

Bannock on a Stick

Procedura:

  1. Preparare l’impasto Bannock (vedere la ricetta precedente). Avere pronti diversi bastoncini, da circa 1 metro di lunghezza.
  2. Dividere l’impasto in palline leggermente più grandi delle palle da golf e legali con una corda.
  3. Avvolgi ogni corda di pasta attorno ad un bastone.
  4. Buca l’impasto sopra un piano di carboni ardenti (carbone di legna, legna o fiamma a gas regolata a fuoco medio).
  5. Ruota spesso il bastoncino per cuocere l’impasto in modo uniforme.
  6. Servi da 10 a 12 porzioni.

 

Man-O-Min (Riso selvatico)

Ingredienti:

Procedura:

  1. Lavare il riso selvatico in un colapasta o in una ciotola, cambiando l’acqua due o tre volte.
  2. Versare l’acqua in una grande casseruola; aggiungere sale.
  3. Riscaldare l’acqua fino all’ebollizione.
  4. Aggiungere lentamente il riso sciacquato all’acqua bollente.
  5. Abbassare il fuoco a media e far sobbollire il riso, indisturbato, per circa 40 minuti. (Non mescolare il riso.)
  6. I chicchi di riso si gonfieranno fino a quattro volte la loro dimensione originale.
  7. Servire caldo o a temperatura ambiente.
  8. Serve in 12 porzioni.

 

Le popolazioni aborigene che vivono nella regione della Columbia Britannica moderna godevano di cibi come il salmone cotto su un fuoco aperto, oggigiorno una prelibatezza.

 

Cibo per celebrazioni religiose e vacanze tra i nativi canadesi

Quando un giovane uccideva il suo primo sigillo o caribù, si poteva tenere una festa di celebrazione.

Spesso veniva pescato e poi mangiato il salmone.

Nel Canada occidentale, i popoli aborigeni tenevano feste cerimoniali chiamate potlatch per celebrare la nascita di un bambino, una giovane donna che raggiungeva la pubertà o il matrimonio di un figlio.

Si tengono i potlatch dei giorni nostri per celebrare e preservare la cultura aborigena.

 

Nel 1996 fu proclamata un’annuale Giornata nazionale aborigena, da celebrare il 21 giugno.

Non c’è un menu specifico associato alla celebrazione di questa festa, ma molti cibi tradizionali, come salmone, riso selvatico e persino bufali, vengono gustati durante le festività organizzate dai gruppi nativi.

 

Dolci di riso selvatico

Ingredienti:

Procedura:

  1. Risciacquare il riso selvatico in un colino sotto l’acqua corrente fredda e scolare.
  2. Versare le 4 tazze d’acqua in una casseruola e aggiungi il riso e il sale.
  3. Riscaldare finché l’acqua non bolle, ridurre il calore e cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti. Il riso dovrebbe essere tenero ma non morbido.
  4. Aggiungere la farina di mais lentamente, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno e cuocere per 3 o 4 minuti.
  5. Rimuovi dal fuoco.
  6. Sgocciolatura di pancetta (o burro) in una padella.
  7. Forma la miscela di riso in torte tipo pattie di circa 3 cm di diametro.
  8. Soffriggere i tortini fino a quando non diventano marroni su un lato (circa 5 minuti). Girare con cura le torte per dorare l’altro lato.
  9. Scolare su asciugamani di carta.
  10. Servi in 12 porzioni, può essere servito caldo o a temperatura ambiente.

 

Tradizioni durante i pasti tra i nativi canadesi

I popoli aborigeni sono ospitali e hanno sempre degli stufati o dei tè che condividono con gli ospiti.

Storicamente, gli utensili da cucina erano modellati con materiali naturali e la cottura veniva fatta a fuoco aperto.

I metodi di conservazione degli alimenti comprendevano il fumo, l’essiccazione e l’incorporazione in grasso animale fuso o grasso di balena.

 

Politica, economia e nutrizione tra i nativi canadesi

Il consumo dei cibi confezionati ha contribuito a problemi di salute tra i bambini aborigeni.

Il ministro degli affari indiani e dello sviluppo del nord del governo canadese continua a lavorare per affrontare le preoccupazioni dei popoli aborigeni.

Affrontare i torti storici e sviluppare i programmi moderni è una sfida, e i rappresentanti del governo e delle Nazioni Prime.

Métis e Inuit si sforzano di comunicare e progettare obiettivi per soddisfare le esigenze di tutti i canadesi.