Posizione geografica e situazione ambientale dell’Australia

Scatto mozzafiato nella foresta pluviale australiana

Scatto mozzafiato nella foresta pluviale australiana

Gli aborigeni sono persone che hanno vissuto in Australia per circa 40.000/60.000 anni.
La parola deriva dalle parole latine  ab e origine, che significano “dall’inizio“.
Storicamente, gli aborigeni erano cacciatori e raccoglitori e una piccola percentuale viveva ancora con questo stile di vita all’inizio del ventunesimo secolo.

La raccolta di piante o gli animali cacciati solitamente dipendono dal clima.

L’Australia centrale è abbastanza secca e le piante sono scarsamente disseminate sulla terra.
Gli aborigeni si affidano alla caccia di animali e mangiano semi e radici di piante per sopravvivere.
Nell’Australia nord-orientale, gli alberi tropicali offrono una varietà di frutta, verdura e noci, tra cui la popolare noce di macadamia.
Chi vive lungo la costa e segue lo stile di vita tradizionale degli aborigeni ha accesso ai frutti di mare.

La maggior parte degli aborigeni è nota per essere abile a coltivare le terre.
Storicamente, hanno scoperto che le ceneri di un incendio fungevano da fertilizzante naturale, fornendo nutrienti per le nuove piante da coltivare.
Sebbene ciò abbia avuto successo, alcuni gruppi che vivevano nelle regioni aride del deserto australiano soffrivano spesso di mancanza di cibo e furono costretti a trasferirsi altrove.

 

 

Storia e cibo nativi australiani

Corpo di un nativo australiano tatuato secondo la propria tradizione

Corpo di un nativo australiano tatuato secondo la propria tradizione

Prima dell’arrivo degli europei alla fine del 1700, gli aborigeni avevano la fama di essere abili cacciatori e raccoglitori.
Vivevano dei prodotti della terra comprendendo piante, animali e risorse naturali.
Gli aborigeni vantano di sentire di avere un rapporto speciale con la terra nonostante gli europei hanno portato un nuovo stile di vita non in linea con la tradizione australiana.

I nativi di queste terre, preparavano cibo in pentole e padelle e scambiavano merci fuori dall’Australia.
Alcuni europei adottarono le proprie usanze per vivere meglio con chi per primo aveva occupato quelle terre ma la grande maggioranza si legò agli usi e costumi della terra di provenienza rendendo la convivenza molto difficile.

Insieme ad un diverso modo di vivere, gli europei portarono nuove malattie, spesso infettando gli aborigeni, che non avevano alcuna resistenza alle malattie straniere.
Migliaia morirono e la loro popolazione diminuì.
I sopravvissuti furono costretti ad abbandonare le loro terre e trasferirsi in aree governate dai coloni europei.

I virus e le malattie portate dagli Europei hanno infettato i nativi che nel corso delle storia sono stati decimati da queste patologie e a loro sconosciute.

I virus e le malattie portate dagli Europei hanno infettato i nativi che nel corso delle storia sono stati decimati da queste patologie e a loro sconosciute.


Questo ha limitato la loro capacità di vivere uno stile di vita tradizionale ed è diventato difficile trovare persone che coltivano, raccolgono, cacciano e preparano cibi tradizionali.

Quando gli europei iniziarono a colonizzare il territorio dell’Australia, le loro tecniche di cottura e alcuni ingredienti importati furono combinati con i cibi preferiti dai nativi.

Per decenni, i coloni europei hanno cercato di convincere o forzare la popolazione ad adottare lo stile di vita europeo, specialmente nelle abitudini alimentari nell’alloggio,
nell’abbigliamento e nell’istruzione.
L’esempio più drammatico di questa cosa è finito finito nei primi anni ’70.
Il governo australiano ha promulgato, fino a quel momento, programmi per rimuovere i bambini aborigeni dalle loro case e collocarli con famiglie di discendenza europea.

La speranza era che i bambini aborigeni avrebbero sostituito i loro costumi tradizionali con le usanze europee, ma alla fine del ventesimo secolo, il governo australiano ha riconosciuto lo stile di vita aborigeno, consegnando loro i diritti tolti in precedenza.

 

 

Alimenti degli aborigeni d’Australia

Le api e l'alveare

Le api e l’alveare

Gli aborigeni avevano una dieta semplice ed equilibrata prima dell’arrivo dei conquistatori  alla fine del 1700.
I loro pasti comprendevano carne e pesce, oltre a frutta, verdura e noci.
Il miele era un dolcificante popolare, raccolto dagli alveari di api native che si trovavano tra le fessure rocciose o nelle sponde fangose ​​del fiume.

I nativi usavano molti modi diversi per trovare gli alveari.

Le piante e gli animali nativi mangiati divennero noti come bush tucker (o bushfoods).

I bush food divennero un’industria nazionale in Australia nei primi anni ’80.

C’erano ristoranti di cibo,

Classico Bush Tucker aborigeno

Classico Bush Tucker aborigeno

coltivatori e confezionatori dei cibi tradizionali australiani.

Il bush tucker varia a seconda della regione, del clima e della stagione.

Il canguro, l’emu e l’opossum sono disponibili tutto l’anno e sono carni di qualità.

Altre carni, come lucertole, rane e tartarughe, sono molto apprezzate durante l’estate.

Il pesce è anche un pasto comune, in particolare nelle comunità lungo la costa.

Nelle montagne del New South Wales, gli aborigeni possono nutrirsi di tarme, che sono ricchi di grassi.

I deserti dell’Australia centrale invece, ospitano larve di streghe (larve) che si trovano nelle radici dei cespugli di acacia.

Queste larve, che sono ad alto contenuto di calorie, proteine ​​e grassi, erano una volta punti base nella dieta aborigena.

Altri insetti che fanno parte della tradizione sono api, formiche e termiti.

Le piante commestibili

native includono patate dolci, cipolle, spinaci, pomodori, bacche e semi di erba.

Anche le radici di altre piante vengono tutt’oggi raccolte per essere mangiate.

Semi e fiori di acacia venivano macinati per fare una specie di farina che poteva essere mescolata con l’acqua per fare una torta semplice.

Probabilmente la ricetta del tucker del bush più riconosciuta è il damper, un tipo di pane fatto di acqua e farina.
Sebbene originariamente questo pane fosse già cotto e mangiato dagli australiani, furono gli europei a dargli il nome di damper.

Anche il tè Billy, chiamato per il “billy” (pentola) con un manico che viene usato per cucinare sopra un fuoco aperto, è molto diffuso.

Il billy è usato per far bollire l’acqua e il tè ed è molto apprezzato da tutti gli australiani, sia aborigeni che europei.

Quando si desidera una bevanda dolce, l’acqua viene addolcita con miele o nettare raccolti dai fiori.

 

Billy Tea

Thè Billy al fuoco vivo in una tradizionale tecnica di cottura aborigena

Thè Billy al fuoco vivo in una tradizionale tecnica di cottura aborigena

Ingredienti:

  • Billy pot (pentola con manico, disponibile nei negozi del campeggio)
  • acqua
  • Manciata (2 o 3 cucchiai) di foglie di tè sfuse
  • Piccolo fuoco (o fornello)
  • Un bastoncino per mescolare (il cucchiaio di legno o la bacchetta possono essere sostituiti)
  • boccale
  • Zucchero o miele (facoltativo)
  • Latte, opzionale)

Procedura

  1. Riempi il vaso billy ¾ pieno d’acqua.
  2. Metti la pentola sul fuoco e riscalda l’acqua a fino a raggiungere l’ebollizione.
  3. Quando l’acqua bolle, aggiungi le foglie di tè e rimuovi la pentola da fuoco.
  4. Mescola foglie e acqua con un bastoncino (o un cucchiaio di legno).
  5. Lascia riposare la miscela per alcuni minuti, lasciando che le foglie di tè si depositino sul fondo della pentola. ( Un metodo facile per raggiungere questo obiettivo, è avvalersi di un bastone per premere a pressione le foglie sul fondo della pentola).
  6. Versa lentamente il tè nella tazza e aggiungi zucchero (o miele) e latte se si vuole gustare un tè con una particolare fragranza.

 

Damper (stile europeo)

Pane Damper stile europeo

Pane Damper stile europeo

Ingredienti:

  • 2½ tazze di farina autoadescante
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di burro
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 tazza di latte (o ½ tazza di latte in polvere e 1 tazza di acqua)

Procedura

  1. Porta il forno a 180°C.
  2. Imburra e spargi un po di farina su una teglia da forno.
  3. Mescola farina, sale, zucchero e burro insieme in una ciotola e aggiungi il latte.
  4. Impasta per circa 5 minuti.
  5. Forma un cerchio piatto e posizionalo sulla teglia.
  6. Cuoci per circa 30 minuti (tradizionalmente, l’impasto sarebbe stato posto su rocce ai bordi di un falò o in alternativa, la pasta potrebbe essere avvolta intorno alla punta di un bastone e tenuta su un fuoco vivo.

 

Damper (stile aborigeno)

Pane Damper australiano

Pane Damper australiano

Ingredienti:

  • 2 tazze di farina (non auto-aumentante)
  • Pizzico di sale
  • 1 tazza d’acqua (o abbastanza per fare una pasta dura)

Procedura

  1. Riscalda il forno a 180°C.
  2. Mescola farina e sale insieme, poi aggiungi acqua lentamente fino a formare un impasto massoso.
  3. Dopo avergli dato una forma rotonda, metti la pasta su teglia unta e cuoci per circa 60 minuti.
  4. Una volta completata la cottura, taglia l’impasto in piccoli pezzetti e scarta la crosta se troppo dura (tradizionalmente, gli aborigeni cuocevano l’impasto nella cenere del fuoco: la crosta, sporca di cenere, sarebbe stata strappata).

 

Macadamia e snack alla frutta

Macadamia e snack alla frutta con noci, frutta fresca, frutta secca e formaggi

Macadamia e snack alla frutta con noci, frutta fresca, frutta secca e formaggi

Ingredienti:

  • 1 vasetto di noci di macadamia
  • 1 pacchetto di frutta secca (può essere mirtilli rossi, uvetta, ciliegie o mele)

Procedura

  1. Unisci noci e frutta secca in una ciotola.
  2. Si servono appoggiando la pietanza direttamente sul palmo della mano della persona oppure raccogliendo le noci di macadamia in un piatto.

 

 

Cibo per celebrazioni religiose e vacanze tra i nativi australiani

La Giornata mondiale del guarire dell’Australia, meglio conosciuta come “Giorno dei ciechi“, è probabilmente la più significativa festa nazionale moderna per gli aborigeni.

Negli anni ’70, il governo ha riconosciuto che forzare lo stile di vita europeo nei confronti degli aborigeni era sbagliato.

Così il 26 maggio è stato dichiarato “Viaggio del Giorno di guarigione” e tutti i cittadini, di qualsiasi cultura loro siano, celebrano le usanze aborigene.

La celebrazione include sfilate, oratori e altri festeggiamenti.

Gli aborigeni usano spesso questo giorno per mostrare alcuni dei loro migliori piatti nativi.

Per i nativi, il cibo è strettamente associato alla spiritualità.

Credono che tutto ciò che vive, inclusi gli umani, sia stato creato da grandi esseri spirituali. Una parte fondamentale della loro spiritualità proviene dal Dreaming (Tempo del sogno), l’epoca antecedente alla nascita della creazione del mondo.

Credono che gli spiriti non vogliano che mangino certi cibi.

Le usanze di caccia, raccolta, preparazione e cucina si sono evolute attraverso le loro credenze religiose.

Ogni persona sente una connessione tra se stesso e una particolare pianta o animale. Questa speciale pianta o animale è conosciuta come il totem della persona.

In molti non uccidono o mangiano i loro totem, tranne durante le cerimonie speciali.

 

Biscotti con noci di macadamia

Biscotti con noci di macadamia

Biscotti con noci di macadamia

Ingredienti:

  • ½ tazza di burro o margarina
  • ½ tazza di accorciamento
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 2½ tazze di zucchero a velo
  • 2 tazze e mezzo di farina
  • ¼ di cucchiaino di sale
  • 2 uova
  • 1 tazza di noci di macadamia, tritate e arrostite

Procedura:

  1. Scalda il forno a 180°C.
  2. Unisci il bicarbonato, lo zucchero a velo, la farina e il sale in una ciotola.
  3. In un’altra ciotola mescola burro, burro e uova fino a renderla liscia.
  4. Combina e mescola tutti gli ingredienti lavorati in precedenza in una sola ciotola.
  5. Aggiungi i dadi.
  6. Lascia cadere un cucchiaino di impasto su tutti i biscotti e sei pronto per cuocere il piatto per circa 10/12 minuti.
  7. Si può servire da 3 a 4 porzioni.

Tradizioni durante i pasti tra i nativi d’Australia

Storicamente, i maschi aborigeni erano responsabili della caccia.

Animali più grandi, come il canguro venivano catturati in gruppo.

Gli uomini usavano lance, arpioni, reti, trappole, mazze e persino boomerang per la caccia di creature selvagge.

Le donne tendevano ad essere responsabili della raccolta di piante, molluschi e insetti. Questi ruoli di genere continuano tutt’oggi nelle famiglie aborigene.

Anche se ci si trova in una zona ricca di flora, i nativi stanno molto attenti a non sprecare nessuna proprietà o parte della pianta.

Usano tutto: semi, radici, steli, foglie e frutti.

Tuttavia, molte piante richiedono una preparazione speciale.

Alcune sono velenose, altre troppo dure o coperte da foglie spinose e la maggior parte di loro richiede il lavaggio, il martellamento o la macinatura prima di poter essere bolliti in acqua.

I metodi di preparazione dei cibi antichi, differiscono tra i nativi stessi, spesso in base al clima.

Il cibo è stato spesso cotto nelle ceneri fumanti (alla brace), ma in  alternativa, la pietanza può essere posta direttamente sopra i carboni ardenti, fatta bollire in acqua o cotta a vapore in una fossa simile a un forno nel terreno.

Nel ventesimo secolo, alcuni aborigeni iniziarono a usare prodotti moderni (come il foglio di alluminio) nelle tecniche di cottura tradizionali come la cottura a vapore.

Il billy (vaso) introdotto dagli europei è ampiamente utilizzato dagli aborigeni per facilitare la cottura.

Storicamente, i bambini nativi australiani dovevano iniziare a prendersi cura di sé in tenera età.

Molti di loro infatti, avevano ricevuto la loro prima piccola lancia prima dei quattro o cinque anni.

I figli seguivano gli adulti maschi per vedere come cacciavano e fabbricarono attrezzi.

Le figlie imparavano come raccogliere cibi e preparare i pasti dalle altre donne.

Politica, economia e nutrizione

All’inizio del ventunesimo secolo, in Australia vivevano quasi 400.000 aborigeni. Sfortunatamente, molti di loro sono poveri.

I bassi redditi e la vita in aree isolate rendono difficile l’acquisto di cibo.

A causa dei costi di spedizione in queste aree molto elevati, spesso la stessa pietanza costa quasi il doppio in una zona periferica rispetto alle regioni urbane densamente popolate.

La lunga distanza può anche rovinare frutta e verdura fresca.

Di conseguenza, i negozi delle comunità rurali spesso trasportano cibi pronti e alimenti preconfezionati.

Tali alimenti sono spesso più ricchi di grassi, zuccheri e sale e possono durare più a lungo sugli scaffali, ma a volte mancano i nutrienti necessari per una vita sana.

bumerang o boomerang tra gli aborigeni

Gli aborigeni usano un tipo di boomerang diverso dal moderno “boomerang di ritorno” che è popolare nell’Australia dei giorni nostri.

Quando un cacciatore  lancia un “boomerang non-ritorno”, usa un movimento rotante.

Il boomerang colpisce il bersaglio con più forza di un bastone o di una roccia.

Molti aborigeni usano anche il boomerang per raschiare pelli di animali (e per altri lavori di raschiatura).

I bambini invece li usano come giocattoli.

La maggior parte del reddito di una famiglia nativa australiana va quindi per acquistare cibo e ciò impedisce di avere fondi sufficienti da spendere per le utenze, come elettricità, gas e acqua per cucinare e refrigerazione per lo stoccaggio.

Gli alimenti convenienti che non richiedono molta cura nella conservazione sono quindi favoriti rispetto agli alimenti più sani.

Di conseguenza, i bambini e gli adulti aborigeni hanno un più alto tasso di problemi di salute rispetto ad altri australiani.

Diete più povere portano a un più alto tasso di obesità, diabete e malattie cardiache.