Posizione geografica e situazione ambientale del Brasile

 

La maggior parte degli afro-brasiliani vive nei nove stati della sezione nord-orientale del Paese, casa di quasi un terzo di tutti i brasiliani.

La maggior parte di loro vive vicino alle regioni costiere dove abbondano le piogge.

Gli stati nord-est hanno tre aree distinte:

 

Storia e cibo degli afro-brasiliani

I portoghesi rivendicarono i diritti sul territorio che costituisce il Brasile moderno nel 1500 e nel 1532 iniziarono a portare schiavi africani in Brasile.

Gli africani hanno introdotto i brasiliani a nuovi stili e gusti di cucina, come la cottura del cibo in dendê (olio di palma), l’uso di Okra e l’utilizzo della banana in diversi piatti.

Gli africani hanno anche introdotto un’ampia varietà di peperoncino e zenzero per condire il cibo.

Questa pratica continua a far parte della cucina brasiliana.

 

Un’altra tecnica di cottura che gli africani portarono in Brasile fu l’uso di pesce affumicato e gamberetti essiccati.

Il più antico piatto africano del Brasile, il carurú, risale al 1600.

È uno spezzatino speziato a base di pesce affumicato o gamberetti, quiabo (okra), cipolle, dendê (olio di palma) e peperoni.

Nel XXI secolo, l’influenza africana sugli ingredienti e sulle tecniche di cottura prospera ancora, specialmente nello stato nordorientale di Bahia.

 

Quiabo (Okra)

Ingredienti:

Procedura:

  1. Metti l’acqua in una grande casseruola e porta ad ebollizione a fuoco medio.
  2. Taglia le parti superiori e le estremità dello stelo dall’okra.
  3. Metti l’okra nell’acqua e cuoci per 3-5 minuti.
  4. Togli dal fuoco, scola e servi caldo con burro.
  5. Fai 4 porzioni

 

Alimenti degli Afro-Brasiliani

La maggior parte dei discendenti degli schiavi africani, portati in Brasile dai portoghesi nel 1500, vivono nello stato di Bahia.

Sebbene la cucina afro-brasiliana è conosciuta in tutto il Brasile, è particolarmente nota a Bahia, dove la gente ha mantenuto viva la cultura, il cibo e la religione dei Candomblé (un misto di religioni cattoliche e africane).

La cucina afro-brasiliana offre malagueta (peperoncino), dendê (olio di palma), frutti di mare, latte di cocco, banana e gombo.

 

Vatapá è uno dei piatti bahiani più popolari.

È un piatto cremoso servito sul riso, contenenti pesce, gamberetti, arachidi macinate, latte di cocco, dendê e pane.

Un altro piatto molto diffuso è la moqueca, uno stufato a base di pesce, gamberi, granchi o una miscela di frutti di mare in salsa di olio dendê e latte di cocco.

La moqueca viene solitamente servita con riso bianco.

 

Riso base

Ingredienti:

Procedura

  1. Porta l’acqua a ebollizione in una casseruola a fuoco medio.
  2. Mescola il riso, il sale e il burro.
  3. Copri e riduci il calore al minimo.
  4. Fai bollire per circa 20 minuti.
  5. Togli la casseruola dal fuoco e lasciala riposare per circa 5 minuti.
  6. Fai dalle 4 alle 6.

 

Moqueca (Stufato di pesce speziato e cocco)

Ingredienti:

Procedura

  1. Metti i gamberi in una ciotola. Unisci con il succo lime, aceto e sale. Fai marinare tutto per almeno 30 minuti.
  2. Aggiungi 1 cucchiaio di verdura o olio d’oliva in una casseruola grande e scalda a fuoco medio. Aggiungi gli spicchi d’aglio e cuoci fino a doratura.
  3. Aggiungi la cipolla e cuoci tutto, mescolando spesso con un cucchiaio di legno, per circa 5 minuti fino a quando le cipolle non saranno ammorbidite.
  4. Versa i gamberetti e la marinata in padella.
  5. Aggiungi coriandolo, passata di pomodoro e pepe a piacere.
  6. Mescola il latte di cocco e porta ad ebollizione lo stufato.
  7. Cuoci a fuoco lento per 10 minuti finché i gamberetti non saranno cotti.
  8. Mescola con olio dendê e cuoci per altri 5 minuti. (Questo passaggio può essere omesso.)
  9. Servi il condimento su riso bianco bollito.
  10. Fai 6 porzioni

 

Moqueca aos Ovos (Spezzatino speziato)

Ingredienti:

Procedura

  1. Rompi le uova in una ciotola e batti delicatamente.
  2. Scalda l’olio in una padella capiente a fuoco medio e cuoci l’aglio, la cipolla e il coriandolo, mescolando, fino a quando saranno leggermente dorati.
  3. Versa le uova nella padella, mescola e cuoci per qualche secondo.
  4. Riduci il fuoco al minimo ma continua a cuocere, mescolando di tanto in tanto per circa 5 minuti.
  5. Condisci e servi il riso bianco caldo.
  6. Fai dalle 4 alle 6 porzioni.

 

La cucina afro-brasiliana è ben nota per i suoi dolci e dessert, probabilmente a causa dell’influenza dei coloni portoghesi che hanno portato il loro amore per lo zucchero dalla loro patria europea.

Gli schiavi africani hanno aggiunto il proprio stile alle ricette esistenti.

Le donne dello Stato di Bahia, il cuore della cultura afro-brasiliana, producono deliziosi dolci. Uno dei preferiti è la cocada, una caramella di cocco bollita nell’acqua zuccherata con zenzero o limone.

I quindin (amaretti al cocco) sono un altro piatto tipico dolciastro.

 

Quindins (Coconut Macaroons)

Ingredienti:

Procedura

  1. Scalda il forno a 230°C.
  2. In una ciotola di medie dimensioni, unisci lo zucchero, il burro e la noce di cocco.
  3. Sbatti i tuorli uno alla volta, mescolando bene.
  4. In un’altra ciotola e usando uno sbattitore elettrico, batti l’albume fino a quando non è molto rigido, e i picchi rimangono sulla superficie.
  5. Mescola molto attentamente l’albume sbattuto nella miscela di tuorlo d’uovo.
  6. Ungi gli stampini da muffin con il burro e dividi il composto dentro essi.
  7. Metti gli stampini in una teglia più grande riempita con 1 dito di acqua.
  8. Cuoci per 35 minuti, o fino a quando i quindins sono dorati.
  9. Lascia raffreddare e togli dagli stampini
  10. Fai 10/12 porzioni.

 

Cibo per celebrazioni religiose e vacanze tra gli Afro-Americani

Gli schiavi africani trasportati in Brasile dai portoghesi portarono con loro la propria cultura. La religione degli afro-brasiliani moderni, Candomblé, è una miscela del cattolicesimo romano delle religioni portoghesi e africane.

Durante tutto l’anno, le persone che seguono questo credo adorano gli orixás, gli dei africani e le dee.

Gli Orixás sono simili ai Santi cattolici.

Ognuno ha un nome distinto e un cibo preferito.

Le persone che seguono la religione dei Candomblé consumano i pasti ricavati dal cibo preferito del santo il giorno in cui viene celebrato il santo.

 

Lemanjá, la dea dell’oceano, è onorata il 2 febbraio di ogni anno e il suo cibo preferito è il cocomero.

I pescatori credono che lei li protegga quando sono in mare e che invierà grossi banchi di pesci da catturare.

Il Dio Oxalá (Gesù Cristo), padre di tutti gli orixás, è onorato al festival Bonfim, che si tiene ogni anno il terzo giovedì di gennaio.

Poiché i fagioli neri sono considerati il ​​cibo preferito del Dio, molti piatti per il festival sono realizzati con questa pianta.

 

Fagioli neri brasiliani

Ingredienti:

Procedura

  1. Taglia le strisce di pancetta a pezzi grandi e friggili in una padella larga a fuoco medio-alto, mescolando spesso.
  2. Taglia la cipolla a metà e stacca la pelle e lo strato esterno.
  3. Trita le due metà in pezzi grandi.
  4. Sbuccia gli spicchi d’aglio e taglia a pezzetti.
  5. Aggiungi la cipolla e l’aglio alla pancetta e cuoci fino a quando sono dorati (richiede circa 3 minuti).
  6. Aggiungi l’acqua e i fagioli neri.
  7. Accendi il fuoco al minimo.
  8. Copri e cuoci a fuoco lento per 20 minuti, fino a quando non diventa denso. Se i fagioli sembrano troppo spessi, mescolare più acqua, ¼ di tazza alla volta.
  9. Fai dalle 6 alle 8 porzioni.

 

Festivas Juninas (Festival di giugno) si svolgono in onore di alcuni Orixás (i nomi cattolici per loro sono Sant’Antonio, San Pietro e San Giovanni).

Il mais, preparato in diversi modi, viene consumato in tutti i festival di giugno, compresi dolci e torte. Un piatto di farina di mais popolare, simile alla polenta, è l’angu de milho.

 

Angu de Milho (piatto di farina di mais)

Ingredienti:

Procedura

  1. Metti metà dell’acqua (1½ tazze) in una casseruola di medie dimensioni.
  2. Aggiungi il sale e porta a ebollizione a fuoco medio.
  3. Mescola lentamente la farina di mais nella restante acqua 1½ tazze.
  4. Versa gradualmente la miscela di farina di mais nell’acqua bollente, mescolando continuamente.
  5. Aggiungi il burro e continua a mescolare continuamente finché non si addensa.
  6. Versa in uno stampo da 6 tazze ben imburrato.
  7. Prima di rimuoverlo dallo stampo, lascialo raffredare.
  8. Fai dalle 4 alle 6 porzioni.

 

Tradizioni durante i pasti tra gli Afro-Brasiliani

Il cuore della cultura afro-brasiliana, praticato dai discendenti degli schiavi africani portati in Brasile dai portoghesi, si trova nello stato di Bahia, nel nord-est del Brasile.

Una grande percentuale delle persone che vivono in queste regioni sono povere.

Gli afro-brasiliani di solito mangiano cibi che provengono dall’ambiente circostante, come frutta e frutti di mare.

Altri alimenti sono acquistati nei grandi mercati di prodotti nelle città o dalle fattorie.

La colazione comprende papaia, mango, ananas, tapioca tiepida con latte e cannella e caffè. Gli snack preferiti sono empadas e pastelli, piccoli pasticcini ripieni di carne o pesce e olive e formaggio.

 

Empadas (Little Baked Pies)

Ingredienti:

Procedura

  1. In una ciotola, unisci farina, sale e burro.
  2. Aggiungi l’uovo e 1 cucchiaio da tavola dell’acqua e mescola fino a che il composto non diventi liscio e formi una palla.
  3. Copri e metti da parte.
  4. Sbatti il ​​tuorlo con il restante cucchiaio da tavola di acqua per spazzolare le cime degli empada.
  5. Metti da parte
  6. Riscalda l’olio a fuoco medio in una padella media.
  7. Aggiungi la cipolla e cuoci per 1 minuto.
  8. Aggiungi ancora il pomodoro, il brodo, la noce moscata, i gamberetti o il pollo, le olive, il prezzemolo, il sale e il pepe.
  9. Cuoci a fuoco lento per 2 minuti.
  10. Rimuovi dal fuoco.

 

Empadas

  1. Scalda il forno a 200°C.
  2. Su un bordo leggermente infarinato, stendi l’impasto con uno spessore minimo.
  3. Usa un grande tondo per biscotti o il bordo di un grande bicchiere
  4. Ritaglia i cerchi nell’impasto.
  5. Metti un cucchiaio da tavola colmo del ripieno su un cerchio di pasta.
  6. Piega a metà e premi i bordi con le dita o premendo con il retro di una forchetta.
  7. Fai un buco nella parte superiore usando uno stuzzicadenti.
  8. Spennella le cime degli empada con l’uovo e mettili su una teglia da forno.
  9. Cuoci per 20 minuti fino a che non acquisiscono il colore dorato.
  10. Fai dalle 6 alle 8 porzioni.

 

Insieme ad altri alimenti, i venditori ambulanti (l’equivalente di “fast food”) vendono il popolare snack acaçá (budino di farina di riso al vapore).

È  avvolto in foglie di banana e cotto a vapore.

Nelle case, l’acaçá viene spesso consumata come contorno con piatti di pesce.

 

Acaçá (Budino di farina di riso al vapore)

Ingredienti:

Procedura

  1. In una grande casseruola, mescola l’olio d’oliva, latte di cocco, latte e sale e pepe.
  2. Porta a ebollizione a fuoco alto.
  3. Riduci il fuoco e mescola la farina di riso un po ‘alla volta, mescolando continuamente fino a quando la miscela è liscia e spessa (ci vogliono circa 8 minuti).
  4. A poco a poco aggiungi la panna, mescola e versa in una teglia da forno bassa 20×20 centimetri, leggermente oliata.
  5. Lascia raffreddare per qualche minuto.
  6. Taglia a piccoli quadrati e servi.
  7. Fai dalle 8 alle 12 porzioni.

 

Una cena popolare è il vatapá, un piatto cremoso di pesce, gamberetti, arachidi macinate, latte di cocco, olio dendê e pane, tipicamente serviti su riso bianco.

Ximxim de galinha (pollo con arachidi e anacardi) è un altro piatto ben noto.

Il sorbetto, o frutto della passione, mango, lime o ghiaccio bruciato al cocco, è un dolce molto diffuso.

Un altro dolce popolare, prodotto da molti anni, è l’olho de sogra (occhi da suocera).

Queste sono in realtà prugne ripiene di cocco, ma sembrano occhi.

 

Olho de Sogra (Occhi di suocera)

Ingredienti:

Procedura

  1. Metti 1 tazza di zucchero, acqua e cocco in una casseruola di medie dimensioni e cuoci a fuoco basso fino a quando la miscela si addensa, circa 15 minuti.
  2. Togli dal fuoco e lascia raffreddare.
  3. Montate i tuorli fino a color limone e aggiungili al composto di cocco.
  4. Aggiungi la vaniglia e rimetti tutto a cottura.
  5. Cuoci e mescola a fuoco basso per circa 5 minuti.
  6. Togli dal fuoco e raffredda la pietanza.
  7. Stendi le prugne aperte longitudinalmente.
  8. Riempi l’interno delle prugne con la miscela.
  9. Metti un pezzo di chiodo di garofano nel centro della miscela.
  10. Rotola le prugne nello zucchero restante.
  11. Servi su un piatto o in tazzine.
  12. Fai delle 8 alle 12 porzioni.

 

Politica, economia e nutrizione tra gli Afro-Brasiliani

Le condizioni di vita per gli afro-brasiliani sono spesso terribili, con un numero schiacciante che vive in favelas o baraccopoli.

Circa il 69% della popolazione non ha servizi igienici pubblici.

Il 63% non ha accesso all’acqua potabile e quasi 400.000 muoiono di malattie curabili ogni anno a causa di strutture sanitarie inadeguate.

Inoltre, il tasso di mortalità infantile brasiliano, in particolare quello dei bambini brasiliani di origine africana, è uno dei più alti del mondo.

La maggior parte di questa popolazione è ignorante, analfabeta (incapace di leggere) e vive in povertà.

Molti non possono permettersi gli alimenti freschi e nutrienti necessari.

Secondo la Banca Mondiale, coloro che vivono nelle aree povere degli stati nord orientali del Brasile guadagnano solo circa un decimo della media nazionale (circa  400 euro all’anno).