Posizione geografica e struttura ambientale in Ghana

Situato sulla costa meridionale del rigonfiamento dell’Africa occidentale, il Ghana ha un’area di 238.540 chilometri quadrati, estendendosi per 672 chilometri da nord a sud e 536 chilometri da est a ovest.

Comparativamente, l’area occupata dal Ghana è leggermente più piccola dello stato dell’Oregon. La capitale del Ghana, Accra, si trova sulla costa del Golfo di Guinea.

 

Il clima è tropicale ma relativamente mite con due stagioni piovose (da aprile a giugno e da settembre a novembre).

Un grave problema ambientale in Ghana è la desertificazione (terra che una volta sosteneva la vita delle piante trasformandosi in deserto arido).

Ciò è causato da cattive pratiche di gestione della terra, come il sovrasfruttamento eccessivo, il pesante disboscamento e l’agricoltura taglia-e-brucia (dove la terra viene ripulita abbattendo tutte le piante e gli alberi e poi bruciando via i restanti pennelli e ceppi).

 

Storia e cibo in Ghana

I primi abitanti del Ghana esistevano già nel 6000 A.C.

Sono stati scoperti antichi strumenti di pietra e altri manufatti che suggeriscono le prime comunità di cacciatori-raccoglitori dell’intera storia dell’umanità.

Queste tribù nomadi (viaggiando da un luogo all’altro) vagavano per la terra alla ricerca di bacche e semi selvatici e seguivano branchi di animali per la carne.

 

Le rotte commerciali antiche esistevano molto prima dell’arrivo dei primi europei nel 1471.

Le rotte commerciali da nord a sud e da est a ovest, molte delle quali attraversavano il Ghana, esistevano in tutto il continente africano.

Il Ghana importava datteri, sale (per la conservazione degli alimenti), tabacco e rame dai territori settentrionali, ed in cambio offrivano piume di struzzo, panni e noci di cola.

 

I portoghesi arrivarono nell’odierna Ghana nel 1471. Furono i primi europei a esplorare la terra.

Sebbene fossero alla ricerca di una rotta marittima verso l’Estremo Oriente, gli esploratori iniziarono a costruire forti lungo la costa e commerciando con le tribù dell’entroterra per il loro oro.

Nel 1600, gli olandesi e gli inglesi iniziarono ad esplorare il Ghana.

Cento anni dopo, anche tedeschi e danesi costruirono forti, tutti in cerca di avorio e oro.

In cambio, gli esploratori hanno portato rum, cotone, stoffa, perline e armi alle tribù.

Alla fine gli europei catturarono con la forza i ghanesi come schiavi.

 

Oltre all’avorio e all’oro, la metà del 1800 esportava olio di palma, pepe e mais.

Nel 1902, gli inglesi avevano cacciato tutte le altre potenze europee e nominarono la loro nuova colonia britannica la Gold Coast (in seguito fu chiamata Ghana nel 1957).

Per continuare lo sviluppo economico del Ghana, il governo ha distribuito fave di cacao agli agricoltori locali per incoraggiare la crescita di un’industria del cacao.

All’inizio del XXI secolo, l’economia del Ghana continuò a dipendere largamente dalle esportazioni di oro e cacao.

Banane, noci di cola (l’ingrediente base di molte bevande a base di cola), noci di cocco, riso, frutti di palma e vari agrumi sono anche fioriti in colture redditizie.

 

Ignami

Gli africani hanno un gusto leggermente diverso rispetto agli ignami occidentali, ma possono essere utilizzati gli ignami occidentali.

 

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno a 190° C.
  2. Sfregare le patate e avvolgerle in un foglio di alluminio (o foglie di banano, disponibili in alcuni negozi di specialità alimentari), come si farebbe per avvolgere le patate da forno.
  3. Cuocere per 45 minuti o fino a quando sono morbidi con una forchetta.
  4. State molto attenti sventando il foglio da ignami.
  5. Servire con sale, pepe e burro.
  6. Servi in 4 porzioni (o più).

 

Alimenti dei Ghanesi

I Ghanesi godono di una cucina piuttosto semplice, ma saporita.

La maggior parte dei pasti consiste in stufati spessi e ben conditi, solitamente accompagnati da alimenti di base come riso o patate bollite.

Gli stufati sono disponibili in una varietà di sapori, il più popolare è il gombo, il pesce, la foglia di fagiolo (o altre verdure), il forowe (stufato di pesce in salsa di pesce), la salsa plava (stufato di spinaci con pesce o pollo) e arachide (arachidi), uno dei piatti nazionali del paese.

 

Molte spezie sono utilizzate per preparare stufati e altri piatti popolari.

Caienna, pimento, curry, zenzero, aglio, cipolle e peperoncino sono i condimenti più utilizzati.

Cipolle e peperoncini (insieme a pomodori, noci di palma e brodo) aiutano a costituire la base per la maggior parte degli stufati.

Alcuni cibi che compongono la dieta del Ghana variano a seconda della regione in cui vivono le persone.

Nel nord, il miglio (un tipo di grano), l’igname e il mais sono mangiati più frequentemente, mentre il sud e l’ovest godono di piantaggine (simile alle banane), manioca e cocoyams (una radice vegetale).

 

Le persone della regione secca sudorientale mangiano principalmente mais e manioca.

Il riso è un alimento base in gran parte del paese.

Il riso Jol lof, un piatto speziato che include salsa di pomodoro e carne, è apprezzato dalla maggior parte della popolazione.

Pito, una bevanda fermentata a base di sorgo (un tipo di grano), è una bevanda popolare nel nord, mentre quelli che vivono nel sud preferiscono il vino di palma.

 

Jollof Riso

Ingredienti:

Procedimento:

  1. In una casseruola fate rosolare il riso e la cipolla nell’olio.
  2. Coprire e cuocere fino a quando la cipolla è traslucida e morbida.
  3. Tagliare il pollo in cubetti da ½ “e aggiungere al soffritto.
  4. Mescolare con passata di pomodoro e poi con il brodo.
  5. Portare la miscela a ebollizione.
  6. Coprire la padella e ridurre il calore al minimo.
  7. Cuocere fino a quando il riso è tenero, il liquido viene assorbito e il pollo è cotto, circa 20-25 minuti.
  8. Servi in 8 porzioni.

 

Un alimento base in tutta l’Africa occidentale, incluso il Ghana, è fufu (piantaggine bollita, manioca o riso che viene martellato con un grande mortaio e un pestello in una palla rotonda).

Altre verdure comunemente consumate includono spinaci, gombo, melanzane, cipolle, pomodori, patate dolci, fagioli, mais e cocoyams. Alcuni abitanti del villaggio mangiano bangu, un piatto di mais fermentato o pannocchia di mais con pezzi di cocco.

 

La carne è considerata un segno di ricchezza e lusso in Ghana e raramente viene mangiata.

Il pesce, specialmente vicino alla costa, si trova più spesso nei piatti e negli stufati di tutti i giorni.

Kyemgbuma, granchi con pasta di manioca, carne e patate, e gari foto (uova, cipolle, gamberetti essiccati e pomodori) accompagnati da gari (farina di manioca grossolana) sono i piatti di pesce più diffusi.

 

Ci sono molte prelibatezze per i ghanesi da gustare dopo i pasti.

Sorprendentemente, non molti di loro includono il cioccolato come ingrediente, nonostante il Ghana sia uno dei principali produttori mondiali di cacao.

Kelewele, un dessert o uno spuntino, è fatto di banane fritte condite con zenzero e pepe rosso macinato o peperoncino fresco. Un altro piatto che può essere servito per dessert è una frittella fatta di purè di platano, fritta in olio di palma.

 

Fufu

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Far bollire l’acqua in una pentola capiente.
  2. Aggiungere l’impasto istantaneo di farina e le scaglie di patate all’acqua bollente e mescolare bene.
  3. Cuocere, mescolando continuamente per 10 a 15 minuti.
  4. Questo è meglio realizzato da due persone che lavorano insieme: una per tenere la pentola mentre l’altra agita vigorosamente con un forte cucchiaio di legno.
  5. La miscela diventerà molto densa e difficile da mescolare, ma la miscela deve essere continuamente mescolata.
  6. Riempi una ciotola di dimensioni medie con acqua per bagnare completamente la sua superficie, quindi svuota l’acqua.
  7. Raccogliere una grande massa della miscela (circa 1 tazza) sul cucchiaio e trasferirla nella ciotola umida.
  8. Agitare energicamente la ciotola fino a quando l’impasto non si trasforma in una palla liscia.
  9. Servire su un grande piatto con zuppa o stufato.
  10. Fa circa 6 porzioni.

 

Kelewele (piantaggine fritta)

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Sbucciare la piantaggine e tagliarla trasversalmente in fette da ½ pollice, rimuovendo le parti legnose dal centro .
  2. Mescolare lo zenzero, il sale e il peperoncino con l’acqua in una terrina.
  3. Lasciare cadere le fette di piantaggine in una miscela e girarle per rivestire.
  4. Scaldare l’olio o l’accorciamento in una padella grande e friggere le fette rivestite di miscela fino a doratura.
  5. Servi per 6 persone.

 

Toffee alle arachidi (Tean Peanut)

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Misurare lo zucchero in una casseruola e riscaldare a fuoco medio-alto.
  2. Riscaldare per circa 5 minuti, mescolando spesso.
  3. Lo zucchero si scioglierà e abbrustolirà leggermente.
  4. Aggiungere il burro e mescolare bene.
  5. Mescolare lentamente i dadi fino a quando non sono ben coperti.
  6. Inumidire una spianatoia e versarvi sopra la miscela di caramello. (Fai attenzione perché la miscela sarà calda.)
  7. Tira la caramella in palline, usando un cucchiaio di metallo o di legno.
  8. Raffreddare e conservare in un contenitore di plastica stretto.
  9. Fa circa 2 dozzine di palline di caramello.

 

Cibo per celebrazioni religiose e vacanze in Ghana

Il governo non riconosce alcuna religione come religione nazionale ufficiale del Ghana. Questo perché i ghanesi credono in diverse religioni. Circa il 60 % sono cristiani, il 15 % sono musulmani (credenti nella religione islamica) e il resto della popolazione pratica una forma di religione indigena che esisteva centinaia di anni prima dell’introduzione del cristianesimo o dell’islam.

Tali convinzioni sono chiamate animismo, la convinzione che tutti gli oggetti posseggano uno spirito capace di causare sia danni che benefici a coloro che entrano in contatto con esso.

 

I portoghesi introdussero il cristianesimo in Ghana nel 1400, anche se i missionari cristiani nell’Ottocento furono i più responsabili della diffusione della fede.

Nell’odierna Ghana, la maggior parte dei cristiani vive vicino alle regioni costiere e si diverte a partecipare alle feste cristiane.

 

Il Natale è un momento speciale dell’anno per tutti i cristiani, compresi i ghanesi, che osservano il Natale per un massimo di otto giorni.

È un momento in cui parenti e amici si visitano e i bambini ricevono nuovi vestiti e giocattoli.

Il piatto più popolare alla cena di Natale è il pollo, anche se la capra o la pecora possono essere preparate per l’occasione speciale.

Ignami e stufato o zuppa sono accompagnamenti per il piatto principale.

Frutta fresca e dolci sono spesso offerti per dessert.

I musulmani celebrano feste islamiche (come il Ramadan) con la gioia tanto attesa, anche se raramente consumano carne di maiale o alcol.

 

Più di 100 festival si svolgono in tutto il Ghana ogni anno, molti dei quali sono basati su convinzioni animistiche e ruotano intorno ai tempi del raccolto.

Di solito rendono omaggio ai loro antenati.

Queste vivaci feste danno ai ghanesi una sensazione di connessione spirituale e culturale. Tutti i festival, anche quelli più oscuri, coinvolgono danze, canti e banchetti.

 

Uno dei festival più popolari è Odwira, la presentazione del nuovo raccolto di patate dolci ai loro antenati.

Il festival di una settimana, a settembre o ottobre (a seconda del raccolto) segue rigorose linee guida ogni anno.

Una regola proibisce il consumo di nuovi ignami fino al termine del festival.

Il quarto giorno prima dell’inizio del festival, si tiene un‘enorme festa in onore dei vivi e i morti e le feste si svolgono al centro di molte città.

 

Un tipico menu natalizio del Ghana

 

Il giorno dell’indipendenza viene celebrato con gioia ogni anno il 6 marzo in ricordo di L’indipendenza del Ghana dalla Gran Bretagna nel 1957.

Fuochi d’artificio, eventi sportivi, premi e mostre culturali caratterizzano questa giornata.

Come nella maggior parte dell’Africa occidentale, il piatto di igname o di banane (simile alla banana) chiamato fufu è un piatto preferito da mangiare in questo giorno speciale.

Un piatto di igname chiamato oto viene servito con uova sode a colazione nei giorni festivi.

 

Biscotti Gari

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno a 170° C.
  2. Sbuccia, pulisci e grattugia le manioca.
  3. Usando una frusta o un cucchiaio di legno, sbatti le uova e il latte insieme in una terrina.
  4. Aggiungere le cassava grattugiate, lo zucchero, la noce moscata e la farina; mescolare bene.
  5. Srotolare con un mattarello e tagliare in forme circolari.
  6. Su una teglia imburrata, infornare per 15 minuti o fino a quando non si ottiene un colore chiaro e dorato.
  7. Osservali attentamente in modo che non brucino.
  8. Fa circa 2 dozzine di biscotti.

 

Oto (e uova)

Ingredienti:

procedura:

  1. Lessare le patate o patate, quindi schiacciare dolcemente con una forchetta (o preparare le purè di patate istantanee usando le indicazioni sulla confezione, ma usando acqua anziché latte).
  2. Preparare la salsa in una casseruola separata friggendo le cipolle con sale e pepe in olio di palma.
  3. Aggiungere i pomodori, se lo si desidera, e togliere la casseruola dal fuoco.
  4. Mescolare i tuorli d’uovo solido da 2 delle uova sode e mescolare nella salsa.
  5. Mescolare la salsa in purea di patate e mescolare bene fino a quando il colore è uniforme.
  6. Svuotare lo oto in una ciotola e decorare con le restanti uova sode intere.
  7. Servi da 4 a 6 porzioni.

 

Tradizioni durante i pasti in Ghana


I Ghanesi consumano tradizionalmente tre pasti al giorno e ogni pasto è di solito solo una portata.

La cucina tipica sì distingue per un fuoco aperto, un forno di argilla, una grande pentola per cucinare grandi quantità di cibo (come lo stufato) e una grande piastra di ferro per friggere.

Sebbene ogni gruppo etnico abbia il proprio stile di cucina, la maggior parte dei ghanesi tipicamente cucina con il proprio istinto, aggiungendo gli ingredienti necessari e determinando la preparazione e i tempi di cottura semplicemente monitorando i pasti.

 

La colazione è occasionalmente più sostanziosa dello spuntino leggero di mezzogiorno che alcuni gruppi consumano.

Ampesi (am-PEH-si) è un piatto popolare consumato al mattino.

Consiste di una cassava, cocoyam, yam e una miscela di piantaggine che viene bollita con cipolla e pesce, e poi pestata e bollita una seconda volta.

Kenkey (ken-KAY) può essere mangiato al mattino, a mezzogiorno o alla sera.

La farina di mais macinata viene immersa nell’acqua e lasciata fermentare per un massimo di due giorni interi prima di essere modellata in una palla, bollita e avvolta in foglie di piantaggine.

È un accompagnamento popolare per pesce o stufato.

Pumpuka, un porridge a base di miglio macinato, è un altro piatto che sì può consumare a colazione.

 

I piatti serviti a pranzo e a cena sono in genere molto simili.

Fufu (pasta di manioca, piantaggine o pasta cocoyam), frutti di palma, pesce, fagioli, melanzane e arachidi vengono spesso mangiati da soli o in combinazione e consumati sul riso o come ingredienti in uno stufato.

La zuppa di peperoncino è calda e speziata ed è amata dalla maggioranza dei ghanesi. Per compensare il pepe piccante, le bevande autoctone del Ghana come Refresh, una bevanda analcolica a base di succo di frutta fresca, sono estremamente popolari, specialmente tra i bambini che amano il suo gusto dolce.

Le torte di fagioli fritte chiamate kose (o akara), i plantani lessati e il koko, il porridge fatto con mais o miglio mescolato con latte e zucchero, sono tutti piatti molto diffusi tra i bambini.

 

Le domeniche sono spesso il giorno in cui i Ghanesi più ricchi mangiano fuori, specialmente quelli che vivono nelle regioni costiere.

Gli stabilimenti più economici, detti “chop house“, vendono cibo locale e sono popolari sia tra i locali che tra i turisti.

Le bancarelle di strada vendono piatti locali per una minima quantità di denaro.

La maggior parte delle case e le bancarelle sono gestite da donne.

Le bancarelle vendono spesso frutta fresca, kelewele (banane fritte) e porridge.

 

Stufato di arachidi

Ingredienti:

Procedura:

  1. Misurare l’olio in una pentola capiente e scaldare a fuoco medio-alto.
  2. Aggiungere le cipolle e le carote e saltare, mescolando con un cucchiaio di legno, fino a quando le verdure saranno ammorbidite.
  3. Aggiungere il peperone verde e continuare a cuocere per altri 5 minuti circa.
  4. Mescolare i pomodori in scatola con del liquido (non scolarli), fagioli neri in scatola, sale e pepe rosso. Abbassare il calore, coprire e cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti.
  5. Mescolare il burro di arachidi e continuare a sobbollire, coperto per altri 10 minuti. Servire caldo.
  6. Servi in 6 porzioni.

 

Kenkey (farinamacinata)

Ingredienti:

Procedura:

  1. In un grande contenitore, unire la farina di mais con acqua calda quanto basta per inumidirla; mescolare bene.
  2. Coprire il contenitore con un panno pulito e metterlo in un luogo caldo per 6 ore (la normale fermentazione richiede da 2 a 3 giorni).
  3. Trascorso il tempo, aggiungere l’aceto alla farina di mais e mescolare bene.
  4. Impastare l’impasto con le mani fino a quando non sarà completamente mescolato e leggermente irrigidito.
  5. Dividere l’impasto in 2 parti uguali.
  6. In una pentola capiente, porta ad ebollizione l’acqua.
  7. Aggiungere lentamente metà dell’impasto e cuocere per circa 10 minuti, mescolando continuamente e vigorosamente.
  8. Togliere dal fuoco.
  9. Questa metà dell’impasto è chiamata aflata.
  10. Unire l’aflata con la metà della pasta cruda rimanente; mescolare bene.
  11. Dividere l’intero impasto in pezzi di dimensioni serventi e avvolgere strettamente i pezzi nelle foglie, bucce o fogli.
  12. Mettere l’impasto avvolto su una gratella sopra l’acqua in una pentola capiente.
  13. Portare a ebollizione e vapore per 1 o 3 ore, a seconda della loro dimensione e spessore.
  14. Servire a temperatura ambiente.

 

Zuppa di peperoncino

Ingredienti:

Procedimento:

  1. Scaldare l’olio in una pentola capiente.
  2. Friggere le cipolle in una piccola quantità di olio in una padella per qualche minuto.
  3. Aggiungere carne o pollo alla pentola e coprire con acqua.
  4. Portare a ebollizione e lasciare cuocere fino a quando la carne inizia a diventare tenera.
  5. Ridurre il calore e aggiungere gli altri ingredienti e condimenti. Mescolare bene.
  6. Cuocere a fuoco lento per ½ ora.
  7. Fa 4 porzioni.

 

Akara (Frittelle)

Ingredienti:

pepe di Caienna

Procedura:

  1. Risciacquo piselli sotto l’acqua corrente e metterli a bagno in una ciotola d’acqua per alcune ore o durante la notte.
  2. Dopo che sono fradici, strofinateli tra le mani per rimuovere le loro pelli.
  3. Risciacquare nuovamente per lavare via le pelli. Scolali in un setaccio.
  4. Schiacciare, macinare o schiacciare i piselli in una pasta densa.
  5. Aggiungi abbastanza acqua per formare una pastella liscia e densa che si attaccherà a un cucchiaio.
  6. Aggiungi gli altri ingredienti (escluso l’olio) e mescola bene.
  7. Scaldare l’olio in una padella a fuoco medio.
  8. Prepara delle frittelle raccogliendo un cucchiaio di pastella e usando un altro cucchiaio per spingere velocemente la pastella nell’olio bollente.
  9. Friggere le frittelle fino a quando sono dorate. Girali frequentemente per farli dorare in modo uniforme.
  10. Fa circa 24 frittelle.

 

Politica, economia e nutrizione in Ghana

Circa l’11% della popolazione del Ghana è classificata come sottonutrita dalla Banca Mondiale.

Ciò significa che non ricevono un’alimentazione adeguata nella loro dieta.

Tra i bambini di età inferiore ai cinque anni, circa il 27% è sottopeso e oltre un quarto è rachitico (abbreviazione della loro età).

Il gozzo (un gonfiore della ghiandola tiroidea) era presente in un terzo di tutti i bambini delle scuole tra il 1990 e il 1995.

Questo di solito è un segno di una carenza di iodio.

 

Tuttavia, i ghanesi consumano una grande quantità di ignami, che contengono vitamina B 1 (tiamina) e vitamina C.

La vitamina B 1 aiuta il corpo a utilizzare cibi energetici e la vitamina C aiuta a mantenere i tessuti corporei forti e aiuta il corpo a usare il ferro.

Gli ignami forniscono anche alcune fibre, che aiutano a mantenere il sistema digestivo funzionante correttamente.

 

Il Ghana settentrionale soffre condizioni meteorologiche più rigide e più estreme del sud, causando una minore disponibilità di cibo durante i periodi di calamità.

Le alluvioni durante la stagione delle piogge e la siccità durante la stagione secca possono portare a gravi rischi per la salute, tra cui la mancanza di nutrimento.

Il Ghana meridionale sperimenta condizioni più stabili e si trova più vicino ai porti marittimi.

Il cibo nel sud può anche essere immagazzinato in modo più efficiente, e la maggior parte della gente può permettersi di acquistare cibo dai mercati quando le condizioni meteorologiche distruggono i loro raccolti.