Posizione geografica e struttura ambientale in India

La Repubblica dell’India, il secondo paese dell’Asia dopo la Cina per dimensione, occupa la maggior parte del subcontinente dell’Asia meridionale, che condivide con Pakistan, Nepal, Bhutan e Bangladesh.

L’area totale dell’India è di 3,3 milioni di chilometri quadrati.

Tra i problemi ambientali più gravi dell’India ci sono il danno alla terra, la scarsità d’acqua e l’inquinamento dell’aria e dell’acqua (circa il 70% dell’acqua indiana è inquinata).

Anche nelle zone rurali, la combustione di legna, carbone e sterco per il carburante, insieme alla polvere dovuta all’erosione del vento durante la stagione secca, crea un problema di inquinamento atmosferico.

Il riso, la coltura più grande, viene coltivato ovunque le condizioni siano adatte.

 

Storia e cibo in India

Alcuni cibi dell’India risalgono a cinquemila anni.

I popoli della valle dell’Indo (che si stabilirono nell’attuale Pakistan settentrionale) cacciavano tartarughe e alligatori, ma anche cereali selvatici, erbe e piante.

Molti cibi del periodo dell’Indo (3000-1500 A.C. circa) rimangono oggi comuni.

Alcuni includono grano, orzo, riso, tamarindo, melanzana e cetriolo.

Le popolazioni della valle dell’Indo cucinate con oli, zenzero, sale, peperoni verdi e radice di curcuma, che sarebbero state essiccate e macinate in una polvere d’arancia.

 

I popoli di lingua ariana che entrarono in India tra il 1500 e il 1000 A.C. usarono verdure a foglia, lenticchie e latticini come lo yogurt e il burro chiarificato (burro chiarificato).

Gli ariani usavano anche spezie come il cumino e il coriandolo.

Il pepe nero era ampiamente utilizzato dal 400 D.C.

I greci portarono lo zafferano, mentre i cinesi introdussero il .

I portoghesi e gli inglesi trasformarono il peperoncino rosso, la patata e il cavolfiore popolari dopo il 1700 D.C.

 

Forse i maggiori contributori all’eredità culinaria dell’India sono i musulmani della Persia e dell’attuale Turchia, che iniziarono ad arrivare in India dopo il 1200.

I Mughal, governarono gran parte dell’India tra il 1500 e l’inizio del 1800.

Videro il cibo come un’arte, e molti piatti moghul sono cucinati con ben venticinque spezie, acqua di rose, anacardi, uvetta e mandorle.

 

Baigan Bhartha (melanzane purea)

Ingredienti:

  • 1 grande melanzana
  • 1 pomodoro
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco, tritato o grattugiato
  • ½ cucchiaini olio vegetale
  • ½ cucchiaino curcuma, macinato ½ cucchiaino peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino garam masala (vedi ricetta sotto)

Procedura:

  1. Tagliare melanzane e pomodori a dadini e tritare finemente cipolla e zenzero.
  2. Scaldare l’olio in una casseruola per 1 minuto.
  3. Aggiungere la cipolla e lo zenzero e friggere a fuoco medio-alto, mescolando continuamente, fino a doratura.
  4. Aggiungere la curcuma, il peperoncino in polvere, il sale e il garam masala alla casseruola. Mescolare accuratamente
  5. Aggiungere la melanzana e il pomodoro alla casseruola. Mescolare bene e coprire la padella con il coperchio.
  6. Ridurre il fuoco al minimo e cuocere fino a quando le melanzane e il pomodoro sono morbidi, mescolando di tanto in tanto per evitare che le verdure si attaccino alla padella.
  7. Dopo 20 minuti, rimuovere il coperchio e continuare a cuocere a fuoco basso, mescolando spesso, fino a quando il liquido evapora. Il piatto è pronto quando gli ingredienti sono mescolati insieme come una purea densa.
  8. Servire con riso, pane integrale o tortillas.
  9. Servi in 6 porzioni.

 

Garam Masala (Miscela di spezie)

Ingredienti:

  • 2 cucchiaini di cardamomo, macinato
  • 1 cucchiaino di cumino, macinato
  • 1 cucchiaino di pepe nero, macinato
  • 2 cucchiaini di cannella
  • ½ cucchiaino di chiodi di garofano, macinato
  • Noce moscata, macinato, a piacere

Procedura:

  1. Mescolare tutti gli ingredienti insieme.
  2. Conservare in un contenitore ermetico e aggiungere alle ricette se necessario.

 

Alimenti degli Indiani

Ciò che mangiano gli indiani varia a seconda della regione e della religione.

Gli indiani del nord mangiano pane più piatto, mentre quelli del sud dell’India preferiscono il riso.

Negli stati costieri, come il Kerala e il Bengala, i piatti a base di pesce sono molto diffusi.

Pollo e montone (pecora) vengono mangiati più spesso nelle regioni di montagna e di pianura.

Mentre molti indù evitano di mangiare carne, i musulmani evitano il maiale.

Inoltre, molti indiani, in particolare indù, buddisti e giainisti, sono vegetariani.

 

Le spezie sono usate in molti piatti indiani.

Quando fa caldo, spezie come peperoncino e aglio aiutano il corpo a sudare e a raffreddarlo. Con il tempo più freddo, spezie come chiodi di garofano, cannella, zenzero, pepe nero, cardamomo e noce moscata aiutano a riscaldare il corpo.

La cucina indiana è varia, ma molti piatti sono cucinati in modo simile.

La preparazione inizia con frittura di cipolla, zenzero, aglio o spezie come semi di cumino in olio ad alta temperatura.

Si aggiungono poi carni, verdure, aromi come yogurt e spezie come la curcuma.

Il piatto poi cuoce a fuoco lento fino a quando gli ingredienti sono cotti.

Alla fine della preparazione vengono aggiunte erbe a foglia verde come coriandolo e aromi come il succo di limone.

 

Questo stile di preparazione può essere collegato all’uso tradizionale di sterco di vacca.

Per secoli, le famiglie cucinano mettendo una padella sopra polpette di sterco di vacca. Come il carbone utilizzato nei barbecue moderni, il letame produce inizialmente un calore elevato, ma poi brucia lentamente.

Sebbene gli indiani della classe media e quelli urbani abbiano stufe elettriche o a gas, molte famiglie rurali usano ancora sterco di vacca (rifiuti).

 

Dal (Lenticchie)

Ingredienti:

  • ½ tazze di lenticchie rosse (altre lenticchie possono essere sostituite)
  • 4 tazze e mezzo di acqua
  • 1 cucchiaio olio di canola
  • 1 cipolla media,
  • 2 spicchi d’aglio tritati,
  • 1 o 2 piccoli peperoncini verdi caldi, a piacere, tritato
  • 1 cucchiaino ciascuno: zenzero grattugiato fresco, cumino macinato e curcuma
  • Noce moscata
  • sale

Procedimento:

  1. Risciacquare le lenticchie e unirle all’acqua in una casseruola grande e pesante.
  2. Portare a ebollizione, coprire e far bollire fino a quando le lenticchie sono abbastanza molli, circa 40 minuti.
  3. Riscaldare l’olio e la padella; soffriggere la cipolla e l’aglio a fuoco medio fino a doratura.
  4. Aggiungi alla casseruola.
  5. Mescolare gli ingredienti rimanenti.
  6. Coprite e lasciate cuocere a fuoco molto basso per 15 minuti.
  7. Servire caldo.
  8. Servi in 4 porzioni.

 

Palak Bhaji (piccante fritto spinaci)

Ingredienti:

  • 250 grammi di spinaci
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 cucchiaio di olio vegetale
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi aglio
  • 1 cucchiaino zenzero, tritato o grattugiato
  • 1 cucchiaino di semi di cumino
  • ½ cucchiaino cumino macinato
  • ½ cucchiaino di coriandolo macinato
  • ½ cucchiaino di curcuma, macinato
  • ¼ di cucchiaino di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaino di sale

Procedimento:

  1. Lavare bene gli spinaci e rimuovere i gambi.
  2. Tritare finemente la cipolla, l’aglio e lo zenzero.
  3. Riscaldare l’olio e il burro in una casseruola a fuoco medio-alto.
  4. Aggiungere i semi di cumino e friggere per 30 secondi.
  5. Aggiungere la cipolla tritata e friggere fino a doratura, circa 2 minuti.
  6. Quindi aggiungere l’aglio tritato e lo zenzero e friggere per circa un altro minuto.
  7. Aggiungere il cumino macinato, il coriandolo, la curcuma, il peperoncino in polvere e il sale; mescolare bene e aggiungere gli spinaci.
  8. Mescolare rapidamente per ricoprire con una miscela piccante.
  9. Abbassare il fuoco a medio e aggiungere circa ¼ di tazza d’acqua.
  10. Mescolare, coprire con il coperchio e cuocere per circa 5 minuti.
  11. Servi da 4 a 6 porzioni.

 

Tandoori Chicken (pollo speziato alla brace)

Ingredienti:

  • 2 sterline di cosce o seni di pollo disossati, pelle rimossa
  • ½ tazza di yogurt bianco
  • 2 cucchiaini di curcuma, macinata
  • 1 cucchiaino di paprika
  • ½ cucchiaino di peperoncino in polvere
  • ½ cucchiaino di aglio in polvere
  • ½ cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di garam masala (facoltativo)
  • 1 limone.
  • Fettine di cipolla (facoltativo)

Procedimento:

  1. Infilzare ogni pezzo di pollo con una forchetta.
  2. Strofina i pezzi con sale e pepe nero.
  3. In una ciotola separata, unire lo yogurt, la curcuma macinata, la paprica, il peperoncino in polvere, l’aglio in polvere, il sale e il garam masala.
  4. Mescolare bene.
  5. Lascia cadere ogni pezzo di pollo in una ciotola e ricoprilo con la miscela di yogurt.
  6. Mettere il pollo in una pirofila di vetro e coprire con un involucro di plastica; refrigerare per almeno 1 ora. (Il pollo può essere refrigerato durante la notte).
  7. Preriscaldare il forno a 180° C.
  8. Cuocere il pollo, scoperto, per circa 30 a 40 minuti. (Quando si punge con una forchetta, il succo che fuoriesce dal pollo dovrebbe essere limpido.)
  9. Una volta cotto a fondo, mettere il pollo su un piatto da portata.
  10. Tagliare il limone e spremere il succo in cima prima di servire.
  11. Aggiungere cipolle affettate se lo si desidera.
  12. Servire da 4 a 6 porzioni.

 

Cibo per celebrazioni religiose e vacanze in India

Quasi ogni vacanza in India richiede una festa.

Il più grande festival dell’anno è Diwali, che si svolge in ottobre o novembre.

La data effettiva è fissata dal calendario lunare e varia di anno in anno.

Il significato del festival varia in base alla regione e al gruppo religioso.

Ma alcune tradizioni sono condivise: i vecchi debiti vengono ripagati, le case vengono pulite, i vestiti nuovi vengono fatti o acquistati e viene preparato un pasto di elab orate.

 

In Diwali e in altre occasioni festive, l’eredità indiana di Mughal è al centro dell’attenzione.

I Moghul videro mangiare come un’arte e un piacere.

Gli chef cortigiani hanno preparato del cibo che ha un buon sapore e ha deliziato i sensi dell’olfatto, della vista e del tatto.

Molti piatti Mughal richiedono carne, ma i vegetariani incorporano le spezie e le noci che questa ha reso popolare.

Inoltre, molti acquistano dolci come ladhu e barfi nei negozi locali e li distribuiscono tra i loro parenti e amici.

Molti di questi dolci risalgono anche all’epoca degli nativi del luogo e utilizzano ingredienti come besan (farina di ceci), paneer (un formaggio bianco), acqua di rose, mandorle e zuccheri.

 

Molti festeggiano l’inizio della primavera con Holi.

Al mattino, le persone si spruzzano l’un l’altra con acqua colorata e si macchiano a vicenda con polveri rosse, gialle, verdi, blu e arancioni.

Molti bevono anche bhang, una bevanda allo yogurt.

Dopo la festa, i vecchi vestiti vengono bruciati e viene mangiato halwa (un piatto dolce a base di farina di grano o riso, burro e zucchero).

La giornata si conclude spesso con una festa e festività musicali.

Le “torte” Halwa vengono spesso servite per la colazione in occasioni speciali, come i compleanni.

 

Tamatar Salat (insalata di pomodori saporiti)

Ingredienti:

  • 2 pomodori sodi
  • 3 cipolle verdi
  • ¼ tazza di foglie di menta
  • 1½ cucchiai di succo di limone
  • ¼ cucchiaino di sale o, a piacere
  • 1 cucchiaino di zucchero

Procedimento:

  1. Tagliare i pomodori, affettare finemente le cipolle verdi e tritarli le foglie di menta.
  2. Mescola insieme in una grande ciotola.
  3. In una piccola ciotola, mescolare il succo di limone, sale e zucchero insieme.
  4. Versare il composto sui pomodori, cipolla e foglie di menta.
  5. Mescolare accuratamente, ma delicatamente.
  6. Coprire e raffreddare fino al momento di servire.

 

Riso fantasia

Ingredienti:

  • ½ tazza di coriandolo
  • 4 peperoncini verdi
  • 1 cucchiaino di zenzero, tritato o grattugiato
  • ½ limone
  • ½ tazze di riso basmati o a grana lunga, lavati e scolati
  • 2 bastoncini di cannella
  • 2 chiodi di garofano
  • ½ tazza di piselli
  • 2 cucchiai di burro burro
  • Sale
  • ¼ tazza anacardi o mandorle scheggiate, tritato

Procedura:

  1. Preriscaldare il forno a 200°C.
  2. Spremere il succo di limone nel frullatore.
  3. Mettere il coriandolo, i peperoncini verdi e la buccia di limone rimanente in un frullatore e macinare in una pasta.
  4. Riscalda il burro in una casseruola e aggiungi la cannella, lo zenzero e i chiodi di garofano, mescolando per 30 secondi.
  5. Aggiungere il riso e mescolare fino a che non si sarà spalmato di burro, quindi togliere dal fuoco.
  6. Aggiungere i piselli, la pasta dal frullatore, il sale, i dadi e 4 tazze d’acqua.
  7. Mescolare bene e trasferire la miscela di riso in una pentola di terracotta o in una teglia di vetro.
  8. Coprire e cuocere fino a cottura del riso, circa 30 a 40 minuti.
  9. Servire caldo con lo yogurt
  10. Servi in 6 porzioni.

 

Kheer (Budino di riso dolce)

Ingredienti:

  • ½ tazza di riso basmati o a grani lunghi
  • 4 tazze di latte
  • ¼ tazza di uvetta
  • 1 tazza di zucchero
  • 1 cucchiaino di semi di cardamomo
  • ¼ tazza di mandorle, scheggiata

Procedimento:

  1. Lavare il riso e immergerlo in acqua per 30 minuti. Scolare bene.
  2. Bollire il latte in una padella larga. Abbassa la fiamma e aggiungi i semi di riso e cardamomo.
  3. Sobbollire a fuoco lento fino a quando la miscela si addensa a una consistenza simile al budino, circa 1½ a 2 ore.
  4. Mescolare ogni 5 o 10 minuti per evitare che la miscela si attacchi ai lati e al fondo.
  5. Quando la miscela si è ispessita, togliere dal fuoco.
  6. Lasciare raffreddare per circa 25 minuti, quindi aggiungere lo zucchero e mescolare bene.
  7. Aggiungere l’uvetta e le mandorle.
  8. Servire caldo o freddo.
  9. Fai dalle 4 alle 6 porzioni.

 

Tradizioni durante i pasti in India

Gli indiani mangiano molti piccoli pasti al giorno.

Molte famiglie iniziano la giornata all’alba con preghiere.

Seguirà un pasto leggero di chai (tè indiano) e uno spuntino salato.

La colazione di solito si svolge un paio d’ore più tardi e può includere un piatto tradizionale indiano come l’aloo paratha (una focaccia ripiena di patate e fritti) o un toast con uova.

Altri piatti popolari per la colazione includono halwa (a base di grano macinato, burro, zucchero e mandorle affettate) o uppma, che è una versione più piccante di halwa.

 

Gli studenti spesso mangiano uno spuntino a metà mattina, come una banana con succo o tè, a scuola.

Il pranzo di solito include uno o due piatti di verdure cotti, riso e chapati (un pane piatto che assomiglia a una tortilla messicana).

Molti studenti portano i loro pranzi da casa in contenitori noti come tiffins.

Qualcuno mangia anche panini.

 

Tra gli spuntini che sì fanno nel subcontinente asiatico troviamo il tè ( con snack) e talvolta può comportare una visita a un ristorante o bancarella che vende pietanze piccanti come samosa (un piccolo giro d’affari farcito con patate e piselli ) o bhel puri (una combinazione di riso soffiato, yogurt, salsa di tamarindo e patate bollite).

Inoltre, possono essere serviti frutti come mango, melograno, uva e melone.

La cena viene tradizionalmente servita piuttosto tardi e comprende due o tre piatti a base di verdure insieme a riso e chapati.

In molte famiglie, sia gli adulti che i bambini prendono una tazza di latte caldo, aromatizzata con zucchero e un tocco di cardamomo prima di andare a dormire.

 

Chai (Indian Tea)

Ingredienti:

  • 1 bustina di tè
  • 2 cucchiai di latte
  • 1½ cucchiaini di zucchero
  • cardamomo

Procedura:

  1. Posizionare la bustina in una tazza da tè o in una tazza da caffè.
  2. Aggiungere latte, zucchero e cardamomo.
  3. Far bollire l’acqua sul fornello.
  4. Versare l’acqua bollente in una tazza da tè o in una tazza da caffè, mescolando con un cucchiaio.
  5. Lasciare riposare per 2 o 3 minuti.
  6. Rimuovere la bustina e servire.
  7. Servi una sola tazza.

 

Sandwich di verdure

Ingredienti:

  • Pane,a fette sottili
  • pomodori o cetrioli a fette sottili,
  • Burro
  • pepe nero
  • Sale

Procedura:

  1. Posizionare  2 fette di pane sul bancone e la diffusione leggermente con il burro.
  2. Cospargere il pepe nero e salare leggermente sopra il burro.
  3. Disporre le fette di pomodoro o cetriolo su 1 delle fette di pane.
  4. Metti l’altra fetta in cima e taglia a metà con un coltello.

 

Mathis (biscotti piccanti)

Ingredienti:

  • 2 tazze di farina
  • 1 cucchiaio olio vegetale
  • ¼ cucchiaino di ajwain (o origano secco)
  • Sale
  • pepe nero
  • Acqua tiepida
  • Olio, per friggere

Procedimento:

  1. In una grande ciotola, unire la farina, il sale, ajwain (o origano essiccato) e pepe nero.
  2. Aggiungere l’olio e massaggiare con le dita nella farina.
  3. Aggiungere acqua alla farina e continuare a mescolare con le dita per creare una pasta liscia e flessibile.
  4. Con il pollice, l’indice e il medio, spezza i pezzi dell’impasto.
  5. Premere fino a quando ciascun pezzo ha uno spessore di circa ¼ di pollice.
  6. Pungi ogni pezzo con una forchetta; lasciare asciugare per 20-30 minuti.
  7. Scaldare l’olio nella padella per friggere e far cadere i pezzi di pasta nell’olio e friggere per circa 3 minuti.
  8. Rimuovere con cura dall’olio con un mestolo forato e scolare su carta assorbente.
  9. Fai circa 2 dozzine.

 

Politica, economia e nutrizione in India

Circa il 22% della popolazione dell’India è classificata come sottonutrita dalla Banca Mondiale.

Ciò significa che non ricevono un’alimentazione adeguata nella loro dieta.

Tra i bambini di età inferiore ai cinque anni, circa il 53% sono sottopeso e oltre il 52% è rachitico (abbreviazione della loro età).

Il governo ha istituito un sistema nazionale per distribuire la vitamina A ai bambini, che contribuisce alla malnutrizione e alla cecità.

 

L’India è uno dei pochi paesi in cui gli uomini, in media, vivono più a lungo delle donne.

Per spiegare questo, è stato suggerito che le figlie hanno maggiori probabilità di essere malnutrite e ricevere meno scelte di assistenza sanitaria.

In una società in cui i figli sono favoriti rispetto le figli e addirittura l’infanticidio femminile è un problema crescente.

Inoltre, centinaia di migliaia di bambini vivono e lavorano nelle strade.

La prostituzione infantile è diffusa.

Il governo sta adottando misure speciali per riabilitare le prostitute e i condannati per aiutare a risolvere il problema crescente.

 

Il governo indiano ha istituito un ampio sistema di assistenza sociale.

I programmi per i bambini comprendono l’alimentazione integrativa per le donne incinte e per i bambini di età inferiore ai sette anni, i programmi di immunizzazione e salute e la formazione preventiva per gli adolescenti.

Il governo sta anche prestando crescente attenzione alla salute, alla maternità e all’infanzia nelle zone rurali dell’India inviando un numero crescente di operatori sanitari e medici della comunità nelle aree in difficoltà.